top of page
  • Immagine del redattoreFrancesco Piliero

Come gestisco un servizio matrimoniale

prendendo spunto da una richiesta di una mia amica pubblico le 10 regole per gestire al meglio un servizio matrimoniale:


  1. Capire l'esigenze degli sposi e le loro attitudini: il primissimo passo ,quando faccio un preventivo a una coppia è cercare di capire il più possibile, l'esigenze e il carattere dei futuri coniugi. Soprattutto capire i loro gusti e le loro esigenze è un passo fondamentale per proporre la soluzione migliore e i prodotti più adatti.

  2. Gli sposi sono i protagonisti ma il fotografo è il regista: non meno importante quando mi approccio a tale evento e far capire ai protagonisti, appunto gli sposi, che è importante per non dire fondamentale che loro durante tutta la cerimonia e la festa successiva, seguino i miei ordini. In questi casi è il fotografo che ha esperienza non gli sposi, quindi gestire i vari momenti è molto importante.

  3. Fare un sopralluogo: quando e dove possibile, se non conosco i luoghi, è buona abitudine fare dei sopralluoghi per capire cosa e come dovrò fotografare.

  4. Portarsi un flash: strumento per me fondamentale in quanto risolve moltissime situazioni complicate. Molti preferiscono non usarlo, ma quando si lavora da soli è un accessorio che risolve tante situazioni complicate e mi fa risparmiare un sacco di tempo in post produzione.

  5. Scattare il più possibile ogni cosa e ogni momento: che sia il dettaglio degli sposi o un momento unico e irripetibile della cerimonia ,scattare il più possibile è l'unica soluzione per evitare spiacevoli incovenienti o inventare scuse improponibili.

  6. Controllare cosa sto facendo: durante una cerimonia così importante sono tante le cose da tenere sotto controllo, ma è buona norma, di tanto in tanto, controllare la qualità dell'immagini prodotte e sopratutto durante le foto di rito con i parenti e amici verifico che tutto sia andato per il verso giusto, ovvero, per esempio, controllo che tutti gli invitati siano in ordine e che abbiano gli occhi aperti.

  7. Non esitare ad usare gli automatismi semi-automatici della macchina fotografica: altro argomento che farà infuriare i puristi dello scatto, ma utilizzare i semi automatismi della macchina fotografica, mi aiuta a facilitare il lavoro e garantire un ottimo risultato. All'uscita degli sposi dalla chiesa o dal comune ,nel momento del lancio del riso, utilizzare la modalità di priorità di tempo, impostata ad esempio a 1/125 di secondo con sensibilit à iso automatica, mi permette di immortalare gli sposi , con l'effetto scia del riso e una perfetta esposizione.

  8. Collaborare con gli altri fornitori: spesso ,durante i matrimoni, ci sono più fornitori di servizio: ristotante, dj, ecc. , una cosa che faccio sempre è parlare con loro per capire i tempi tecnici per avere idea: di cosa, come e dove dovrò fotografare, dal taglio della torta alla consegna delle bomboniere o al ballo di un lento.

  9. Dare il giusto spazio: durante il matrimonio gli sposi ,spesso, non hanno nemmeno idea di cosa stiano facendo, tale e tanta è l'emozione, essere troppo assillanti e petulanti non agevola di certo lo svolgimento del mio operato, quindi, capire quando e come parlare con loro,che non significa fargli fare tutto ciò che vogliono perchè io sono il regista, è sicuramente una cosa buona per svolgere un buon lavoro in tutta tranquillità.

  10. Rispettare i tempi di consegna: ultimo, ma più importante di tutti gli altri punti, è garantire la consegna del lavoro nei tempi stabiliti. Che sia una settimana o un mese, la parola data per la consegna del lavoro va rispettata ad ogni costo, per me qualifica un professionista da un dilettante.

16 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Commenti


bottom of page