top of page
  • Immagine del redattoreFrancesco Piliero

Lezione n°1 l'esposizione

Un blog fotografico, che in maniera semplice, non parla anche delle basi della fotografia, ha effettivamente poco senso, ecco che partendo dalla mia personale esperienza, parlerò degli argomenti base di questa fantastica arte. Poichè fotografia , letteralmente significa , scrivere con la luce, l'esposizione è la quantità di luce che , per un determinato tempo, impressiona il sensore della macchina fotografica. Dunque si parlerà di corretta esposizione , ogni qualvolta l'immagine che andremo a riprodurre , sarà correttamente illuminata ,sia nelle zone in ombra sia in quelle pienamente illuminate. E di conseguenza la troppa o la poca luce , prenderanno il nome di sovra o sotto esposizione. Anche se non è propriamente vero quello che dirò ora, prendiamolo per buono, dalla stessa definizione, sono tre i parametri sui quali è possibile agire per influenzare la quantità di luce: tempo di scatto, apertura del diaframma e sensibilità del sensore. Tempo di scatto va da sè che è il tempo con cui noi decidiamo di tenere esposto il sensore alla luce che arriva attraverso l'apertura dell'obbiettivo. Che sia 1 secondo o 1/500 di secondo questo parametro incide sulla tendina della macchina fotografica che è posto davanti al sensore e normalmente si può partire da un "tempo modalità bulb" ovvero superiore ai canonici 30 secondi fino ai velocissimi 1/8000 di secondo. Altro fattore che incide sulla quantità di luce è il diaframma degli obbiettivi. Parleremo in un capitolo diverso di questi oggetti, ma giusto per addentrarsi nell'argomento, tutti gli obbiettivi hanno la possibilità attraverso un apposito diaframma di aprirsi e chiudersi.

Quindi agendo su quest'ultimo è possibile decidere di far passare più o meno luce, in un determinato lasso di tempo. Ultimo parametro che può influenzare l'esposizione è la sensibilità del nostro sensore. Quest'ultima si misura in iso è assume normalmente un valore minimo di 100 fino a 12800 ma ci sono macchine fotografiche che hanno un escursione iso da 50 fino 25600. Valori bassi renderanno il nostro sensore poco sensibile alla luce mentre alti valori iso lo renderanno estremamente sensibile.

Naturalmente saranno tutti argomenti da approfondire in lezioni separate , ma una cosa fondamentale da tenere bene a mente è che la variazione di uno di questi tre parametri influenzeranno in maniera significativa la scena che abbiamo fotografato. Per meglio capirci e per portare un esempio pratico, se una scena raggiunge la corretta esposizione a 100 iso con un tempo di scatto di 1/100 e un obbiettivo aperto " a tutta apertura", la stessa immagine potrebbe avere una corretta esposizione anche ai soliti 100 iso con un tempo di scatto di 1 secondo e un obbiettivo "tutto chiuso", ma la nostra immagine subirà modifiche notevoli.


14 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page